La Fòcara di Novoli – il fuoco di Sant’Antonio Abate

La Fòcara di Novoli: un enorme catasta di legno e fuoco che riscalda e accende una delle più belle notti del Salento.

Il 17 gennaio in Italia inizia il Carnevale, uno dei miei periodi preferiti durante l’anno.

Il Carnevale inizia il giorno in cui la Chiesa festeggia Sant’Antonio Abate e quando si pensa a questo giorno, nelle menti dei pugliesi, c’è solo un’immagine: la Fòcara di Novoli.

Novoli è un piccolo comune nel profondo Salento, conosciuto in tutto il mondo proprio per questo evento senza eguali.

Sì, ma che cos’è questa Fòcara? Continuate a leggere l’articolo e lo scoprirete.

La Fòcara di Novoli: tradizione millenaria

Sant’Antonio Abate è il Santo protettore di Novoli. Il culto verso questo eremita egiziano, vissuto nel III secolo d.C., fu ufficializzato nel 1664, quando Mons. Pappacoda dichiarò Sant’Antonio protettore di Novoli.

La Fòcara di Novoli: Sant' Antonio Abate

In onore del Santo eremita, ogni anno a Novoli si organizza una grande festa di paese che viene organizzata a partire dal 6 gennaio, giorno dell’Epifania. 

All’alba del 7 gennaio, infatti, prende il via la lenta e operosa costruzione della Fòcara, un enorme falò che richiede l’impegno di almeno 100 persone.

I fasci di vite per la Fòcara vengono trasportati nel luogo designato fin dall’inizio del mese di dicembre.

Due mesi per realizzare un enorme falò! Da non credere!

La Fòcara di Novoli arde la notte fra il 16 e il 17 febbraio ed è il più grande falò mai realizzato in tutto il bacino del Mediterraneo, con i suoi 25 metri di altezza e 20 metri di diametro.

La mattina della Vigilia dell’accensione viene issata un’artistica bandiera con l’immagine del santo.

La sera del 16 inizia la magia: uno spettacolo di fuochi pirotecnici accompagna il momento in cui il fuoco si anima.

Brucerà per tutta la notte e tutto il giorno successivo, spargendo cenere nell’aria, simbolo di purificazione.

Il fuoco di Sant’Antonio

Sant’Antonio Abate nella tradizione cristiana è considerato uno dei più strenui oppositori delle fiamme dell’inferno.

Tanti secoli fa Antonio viveva come eremita nel deserto e il suo unico compagno di vita era un simpatico maialino.

Nonostante il diavolo cercasse di tentarlo, Sant’Antonio Abate si mostrava sempre forte.

Il fuoco non esisteva sulla terra e gli uomini vivevano al freddo, così una delegazione di potenti si recò da Sant’Antonio per chiedergli di procurar loro il fuoco.

Sant’Antonio e il suo fidato maialino scesero quindi negli Inferi. I diavoli non lo fecero entrare, perché riconobbero nel visitatore uno dei loro peggiori nemici.

Il maialino però riuscì ad intrufolarsi negli Inferi, creando scompiglio ovunque.

I diavoli lo implorarono di tornare a prendersi il maialino e, mentre ritornavano sulla Terra, Antonio ebbe l’occasione di far prender fuoco al suo bastone e con quel fuoco accese una grande catasta di legna che fornì il primo fuoco all’umanità.

Altre tradizioni di inizio Carnevale in Italia

Non c’è solo Fòcara di Novoli per iniziare il periodo più chiassoso dell’anno.

Ecco una lista di altre tradizioni che celebrano l’inizio del Carnevale in tutta la penisola:

  • Sul Gargano a San Marco in Lamis (FG), in passato i bambini erano soliti scavare per terra con le mani alla ricerca di pezzi di carbone;
  • A San Nicandro Garganico (FG), verso l’imbrunire si accendono “i fuochi” (falò), che saranno ripetuti la sera del 20 gennaio in cui si celebra la festa di San Sebastiano e il 3 febbraio, la festa di San Biagio.
  • Falò di grandi dimensioni a Vimercate (MZ) e Mamoiada (NU)

Insomma, un sacco di tradizioni e leggende per dare il via ad un periodo di spensieratezza, gioia e leggerezza che ci porterà alla Quaresima, a metà febbraio.

Per conoscere altre tradizioni del nostro paese, vi lascio il link alla mia rubrica.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rebecca Depietri

Sono Becky, sempre pronta a partire nei weekend! Sono alla ricerca costante dell'insolito durante il viaggio e amo perdermi! Sono una sostenitrice del concetto che, la mappa, non sia sempre un "salvavita"! Sono una inguaribile romantica e sognatrice e cerco di vedere le sfumature in ogni cosa!

Iscriviti alla mia newsletter

Collaboro con

Civitas

Trova la tua escursione in italiano nel mondo

Freedome

Prova le più belle attività outdoor in Italia

Faccio parte di

Badge migliori blogger Travel365

Sono presente su

Follow