Come salvare il nostro pianeta, pillole di umanità

Il 5 giugno si è celebrata la giornata mondiale dedicata all’ambiente: tante sono le preoccupazioni legate al cambiamento climatico (come la deforestazione o lo scioglimento dei ghiacciai) e la progressiva estinzione di numerose specie animali. Ora come non mai è fondamentale capire quali passi fare per creare una strategia vincente su come salvare il nostro pianeta.

natura incontaminata

Riflessioni personali

Nei momenti in cui viaggio rifletto spesso su questo concetto: perché l’uomo manca cosi tanto di rispetto alla natura? In fin dei conti è la nostra casa, come è possibile?

Non ho mai trovato una risposta sola a questa domanda ma sono certa che l’uomo manchi di consapevolezza verso questo tema. È come se non si sentisse minacciato dal cambiamento climatico e da tutte le sue conseguenze. Un egoismo che lo porta a non avere cura della natura e delle specie che lo abitano, in nome di un profitto sempre più al centro dei suoi valori.

scioglimento dei ghiacciai

Durante questa pandemia mondiale ho trovato diverse volte mascherine gettate sull’erba o guanti in mezzo alla strada. Ho raccolto le mascherine utilizzando dei rami in legno, onde evitare di contaminarmi visto il periodo storico in cui stiamo vivendo.

Il punto è che questa pandemia si porta con sè una serie di problematiche relative all’ambiente tra cui il corretto smaltimento dei dispositivi di protezione.

Il problema della plastica: come salvare il nostro pianeta dall’inquinamento

Se penso a quanta plastica viene prodotta dall’uomo, potrei avere un mancamento. Un materiale così difficile da smaltire e così diffuso non può fare altro che danneggiare il nostro pianeta. La presenza dell’isola di plastica ha sicuramente contribuito ad una nuova consapevolezza dell’umanità e alla ricerca di metodi per ridurne l’utilizzo.

come salvare il nostro pianeta attraverso manifestazioni

L’isola di plastica è un insieme di materiali tra cui imballaggi, bottiglie o reti nell’Oceano Pacifico e ha una superficie che va a coprire tre volte quella della Francia. Quando ho letto delle sue dimensioni, non potevo crederci!

Senza contare che animali come tartarughe, pesci, delfini e altre specie tendono a ingerirne quantitativi tali da poter rimanere intrappolati o addirittura uccisi. Quante volte ho visto servizi al telegiornale con protagonista una tartaruga che aveva ingerito una quantità troppo elevata di plastica? Troppe volte.

spiaggia piena di rifiuti, si cercano soluzioni su come salvare il nostro pianeta

Siamo tutti responsabili ed è il momento di agire concretamente per fermare tutto questo. Possiamo farlo nella quotidianità: nessuno di noi ha il potere di influenzare l’economia mondiale ma la nostra parola e le nostre azioni possono portare a un cambiamento importante.

A partire dal 2021 sarà vietata la vendita di alcuni dei prodotti di plastica usa e getta più diffusi come piatti e posate da pic-nic, cannucce monouso e cotton fioc. Mi sento sollevata, anche se so che è solo l’inizio del cambiamento.

Lo sapevate, per esempio, che sono state trovate tracce di plastica nell’acqua dei nostri rubinetti ? Ricordatevi che il problema riguarda anche noi!

Cosa poter fare nel concreto

Penserete sia un consiglio banale ma eliminare le cannucce dalla nostra vita porterà un beneficio tangibile. Pensate a quanto siamo abituati ad utilizzarle! In commercio ci sono soluzioni alternative: le potete trovare in metallo, in bambù o semplicemente di carta! Alcune sono contenuti in astucci, in modo da poterle portare sempre con voi.

cannucce di plastica da eliminare: idee concrete su come salvare il nostro pianeta

Quelle di carta sono completamente biodegradabili, io le ho provate e l’unico consiglio che vi posso dare è di non farle rimanere troppo a contatto con il liquido perchè potrebbero consumarsi. Quella in acciaio è sicuramente eco-friendly e non da alcun retrogusto metallico al vostro drink!

Vi lascio una chicca tutta italiana: il barman Andrea Marangio ha inventato la cannuccia di pasta! Ovviamente quale miglior formato se non le “zite“?

In Vietnam invece si producono cannucce addirittura dagli steli d’erba: per crearle si è partiti da un’erba diffusa nei pressi del fiume Mekong ( la Lepironia articulata). Pensate che queste cannucce durano ben due settimane se conservate correttamente in frigorifero.

Altra cosa da poter fare riguarda la conservazione del cibo nel frigorifero: sapevate, per esempio, che per avvolgere frutta e verdura potete utilizzare un panno di cotone imbevuto di cera d’api?

L’idea geniale di Dave Hakkens: Precious Plastic

macchina per riciclare la plastica in casa, idee su come salvare il nostro pianeta

Se non sapete dell’esistenza di questa macchina, ve lo spiego io. Dave è un giovane designer olandese che ha rivoluzionato il concetto di riciclaggio della plastica, rendendolo alla portata di tutti. È una macchina da tenere in casa che vi permette o di riciclare la plastica o di produrre oggetti di design grazie alla stampante 3D!

Online potrete trovare le istruzioni su come costruirla direttamente a casa vostra: il bene del nostro pianeta è prevalso su qualunque logica di mercato. Volete mettervi all’opera? Guardate il video!

Piatti in foglia di palma

Un’idea graziosa ed originale per ridurre il consumo della plastica, è l’utilizzo delle stoviglie fatte con la foglia di palma. Si utilizza la palma di Betel e si procede alla sua essicazione per poi procedere a darne la forma desiderata.

Le stoviglie sono biodegradabili e si possono smaltire, senza alcun problema, nei rifiuti organici. Nonostante il loro spessore quasi inesistente, sono impermeabili! Provare per credere!

Curiosità: Rotterdam e il Recycled park, un modo diverso di usare la plastica

Il progetto nasce dall’idea di riutilizzare la plastica, proveniente dal fiume olandese Nieuwe Mass e impedirne la diffusione in mare aperto. Da questa plastica si creano piattaforme esagonali in grado di ospitare piante o di essere una casa per gli animali che popolano il fiume, come le rane.

Questo progetto vuole anche sensibilizzare la comunità al corretto approccio al problema plastica, promuovendo una gestione comunitaria e una maggiore sensibilità da parte dei suoi cittadini!

Diminuisci l’uso di prodotti chimici

Tutto ciò che viene utilizzato per la pulizia della casa o di un’automobile produce danni sulla fauna acquatica. Uno dei modi per limitare simili danni è diminuire questi prodotti. Puoi usare acqua e aceto bianco per pulire casa, per esempio.

inquinamento industriale, sarebbe doverosa una strategia su come salvare il nostro pianeta

Puoi pensare di sostituire gli shampoo chimici con prodotti naturali o addirittura creare il tuo sapone! il primo link che vi ho lasciato è quello di lush: adoro i loro prodotti e ho provato anche il loro shampoo solido! Mi ha lasciato un bellissimo profumo sui capelli, super consigliato!

Pads in tessuto: modi alternativi di struccarsi

È sulla quotidianità che si vedono i grandi risultati o, almeno, io la penso così e non c’è modo migliore che iniziare da uno dei prodotti più in uso tra noi donne.

Pensiamo a quanti dischetti di cotone monouso abbiamo usato per togliere quel trucco a fine serata, che spreco! I pads in tessuto sono la vostra soluzione! Sono riutilizzabili e lavabili e sono più delicati degli altri.

Il problema principale è legato all’involucro in plastica che va a contenere i dischetti ed è bene cercare una soluzione alternativa!

Viaggiare a impatto zero: come salvare il nostro pianeta con il cicloturismo

L’inquinamento atmosferico è uno dei fattori principali responsabili del riscaldamento globale. Tutti noi amiamo viaggiare e, se state leggendo questo articolo o altri del mio blog, siete anche voi dei viaggiatori!

Ci sono modi differenti dal classico aereo o dalla macchina, per ridurre le emissioni dei mezzi di trasporto. Ci sono un sacco di idee su come viaggiare in bici per esempio: avete mai sentito parlare del cicloturismo?

cicloturismo, un'idea concreta su come salvare il nostro pianeta

Potrete organizzare il vostro viaggio in piena autonomia o rivolgendovi a un tour operator che ci penserà per voi! Solitamente la bici utilizzata durante gli itinerari in bici è la gravel.

Parlando di viaggi in bici uno dei tanti modi per farlo è quello del bikepacking, vi lascio il loro sito per consigli più approfonditi su come pianificare il vostro itinerario in autonomia! Ovvio che dovete entrare nell’ottica di portare con voi il minimo indispensabile, del resto ciò che importa è il viaggio, l’esperienza e meno peso si carica sulla bici, meglio si viaggia. Avventura è la parola chiave!

bikepacking

Scegliere carne e verdura di provenienza locale: come salvare il pianeta con piccoli accorgimenti

L’allevamento intensivo è sicuramente una delle pratiche più pericolose per noi e per il nostro pianeta. Per ridurre l’impatto ambientale potreste partire dall’acquisto di carne proveniente da piccoli allevatori o semplicemente iniziando a domandarvi da dove proviene ciò che consumate abitualmente.

Non gettate gli scarti alimentari ma utilizzateli per creare il compost: metteteli nella compostiera da giardino e potrete ottenere un ottimo un terreno ideale per creare il vostro orto! In questa quarantena ho scoperto le cassette di verdure e di frutta dagli agricoltori della mia zona.

cassetta di frutta e verdura

La qualità della materia prima è eccellente e anche il rapporto qualità prezzo non scherza affatto. Non è poi così difficile trovare un’idea su come salvare il nostro pianeta.

Conclusioni

Questo articolo nasce dalla voglia di mettersi in gioco, del resto come salvare il nostro pianeta dovrebbe riguardare tutti noi. Siamo responsabili di ciò che succede quanto lo sono i grandi gruppi industriali e dobbiamo migliorare i nostri comportamenti a partire dalla quotidianità.

Non sono perfetta, non sarò la vostra insegnante ma farò questo percorso anche io. Un passo alla volta per dimostrare che tengo a questo pianeta e alla mia salute!

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rebecca Depietri

Sono Becky, sempre pronta a partire nei weekend! Sono alla ricerca costante dell'insolito durante il viaggio e amo perdermi! Sono una sostenitrice del concetto che, la mappa, non sia sempre un "salvavita"! Sono una inguaribile romantica e sognatrice e cerco di vedere le sfumature in ogni cosa!

Iscriviti alla mia newsletter

Collaboro con

Civitas

Trova la tua escursione in italiano nel mondo

Freedome

Prova le più belle attività outdoor in Italia

Faccio parte di

Badge migliori blogger Travel365

Sono presente su

Follow