Alta Badia: i consigli di una local per viverla al meglio

Oggi vi parlo di Alta Badia e, per farlo, non potevo che affidarmi a una professionista. Lei è Sarah, è un agente di viaggio e vive proprio in questa zona. I miracoli esistono, direte voi! Ve lo confermo: se volete scoprire i segreti di queste montagne, visitate il suo profilo, cartolineacolazione. Passiamo all’intervista!

Cosa troverete in questo articolo

Ciao Sarah, benvenuta. Oggi parliamo dell’Alta Badia, una delle zone che amo di più in Trentino Alto Adige, soprattutto d’inverno. Intanto, vuoi presentarti?

Ciao Becky e ciao lettori!

Mi chiamo Sarah, ho 31 anni e vivo in Alta Badia. Per chi non sapesse dove si trova l’Alta Badia, è una località nelle Dolomiti, in provincia di Bolzano.

Sarah nella sua casa in Alta Badia

Ho sempre lavorato nel settore del turismo. Dopo aver concluso il liceo linguistico, mi sono subito buttata nel mondo del lavoro. Ho fatto la receptionist in un hotel di lusso, ho lavorato presso l’Associazione Turistica, poi in una scuola sci come segretaria e da ormai 7 anni lavoro per un tour operator locale specializzato in viaggi nelle Dolomiti.

Durante il periodo della quarantena, ho deciso di concentrarmi su un progetto e un sogno che avevo nel cassetto già da tanto tempo: quello di creare un blog di viaggi. La strada è ancora lunga! Per adesso cerco di curare il mio profilo Instagram ma spero di mettere online il mio blog quanto prima.

Io conosco la tua zona per le sue bellissime piste da sci ma, quali altre attività si possono praticare?

L’Alta Badia sicuramente può essere definita un paradiso per gli sportivi e per gli amanti della natura. In inverno, oltre a sciare, si possono fare delle ciaspolate, delle passeggiate a bassa quota, delle escursioni di scialpinismo, discese con lo slittino, praticare il pattinaggio su ghiaccio oppure lo sci di fondo.

In estate invece le persone vengono qui per fare escursioni in montagna, arrampicate, vie ferrate, giocare a golf e andare in bici. Durante gli ultimi 2-3 anni sono diventate molto popolari le bici elettriche e ho notato che sempre più persone amano praticare questo tipo di ciclismo.

Hai qualche escursione facile da consigliare in Alta Badia? Anche per chi è alle prime armi!

L’Alta Badia offre escursioni adatte a tutti. Dalle camminate fattibili con i bambini, alle gite più impegnative per le persone molto attive.

Tra le escursioni più facili troviamo quella attraverso i prati dell’Armentara, quella sull’altopiano del Pralongià e il Sentiero dei Larici. Sono tutte passeggiate abbastanza pianeggianti e i sentieri non sono esposti.

Spesso, quando si parla di questa zona, le persone si chiedono quali sono le località dell’Alta Badia da vedere. Tu che consigli ti senti di dare?

In Alta Badia ci sono sei paesini: Colfosco, Corvara, La Villa, San Cassiano, Badia e La Valle. Per chi decide di visitare queste località turistiche in inverno, consiglio di alloggiare in uno dei primi quattro paesi appena elencati, perché si trovano nel comprensorio sciistico e non servono spostamenti in macchina o autobus per raggiungere le piste.

Alta Badia di inverno

In estate invece, tutti i sei paesi sono un ottimo punto di partenza da dove poter intraprendere gite in montagna o altre attività all’aria aperta.

Per coloro che preferiscono stare in un paese con un centro un pochino più vivace, consiglio di scegliere Corvara. Chi cerca la tranquillità assoluta, amerà soggiornare al paese di La Valle.

Veniamo ora al mio argomento preferito: l’Alta Badia in inverno! Ti va di dare qualche suggerimento su dove poter sciare?

Anche a me piace tantissimo sciare e ho la fortuna di vivere in un posto perfetto per praticare questo sport. L’intero comprensorio sciistico “Dolomiti Superski” conta in totale 12 aree sciistiche e l’Alta Badia ne è al centro.

Infatti partendo da qui, si possono raggiungere i comprensori della Val Gardena, di Arabba, del ghiacciaio della Marmolada, della Val di Fassa e dell’Alpe di Siusi senza mai utilizzare taxi, macchine o autobus.

In Alta Badia ci sono 130 km di piste e 53 impianti. Secondo me è anche uno dei comprensori migliori per i principianti e i bambini, perché ci sono molte piste facili.

Come ben sai ,quando si scia, si cerca sempre un buon rifugio per rilassarsi in pausa pranzo o per una cena, dopo una lunga giornata in mezzo alla neve. Hai qualche idea per noi sciatori non della zona?

Esatto, sia in inverno che in estate, è d’obbligo fermarsi in un rifugio per gustarsi un buon pasto.
In estate io preferisco portarmi un panino e un po’di frutta da casa e godermi il pranzo su qualche vetta o in mezzo ad un prato.

In inverno, non posso rinunciare ad un pranzo (o ad una cioccolata calda) all’interno di un rifugio. Ci sono baite e rifugi per tutti i gusti. Quelli che offrono piatti gourmet, quelli dove mangiare pietanze tipiche, quelli specializzati in carni e grigliate, baite dove mangiare panini caldi e patatine fritte e addirittura rifugi che propongono piatti a base di pesce.

Se mi chiedi qual è il mio preferito, ti dico il Rifugio “Crëp de Munt” a Corvara. La struttura è molto rustica e all’interno ci sono pochi tavoli, ma i proprietari e lo staff sono carinissimi e si mangia da Dio! È raggiungibile sia in inverno che d’estate e, durante la stagione sciistica, è aperto anche il martedì sera per coloro che vogliono fare un’escursione notturna con le pelli o le ciaspole.

Toglimi una curiosità… cosa si può fare in Alta Badia per chi non scia? Te lo chiedo perché, mia mamma, aveva sempre questo problema quando eravamo in Val di Fassa e finiva per rimanere in casa o fare passeggiate in paese! Non aveva nessuno che potesse consigliarla ma, in questo caso, tu potresti essere un aiuto prezioso per chi sta leggendo questa intervista.

Prima di organizzare un viaggio in Alta Badia, dovete essere consapevoli che qui troverete solo piccoli paesini di montagna. Non ci sono centri commerciali, discoteche, cinema o centri termali. Qui si viene principalmente per stare all’aria aperta, godere delle meraviglie della natura e fare attività motoria.

Per chi non scia o non fa escursioni in montagna, consiglio per prima cosa di arrivare in macchina in modo da poter anche uscire dalla valle e magari andare a visitare le città di Brunico (40 min), Bressanone (1 ora) o Bolzano (1 ora e mezzo).

Altrimenti, se non volete spostarvi dalla valle, potete utilizzare gli impianti per raggiungere dei rifugi dove, oltre a pranzare, stare al sole e leggere un libro. Un’altra idea è quella di fare un volo con il parapendio o frequentare un corso di cucina.

A Corvara c’è la possibilità di pattinare sul ghiaccio sia in inverno che in estate, si possono fare delle passeggiate facili in paese, godersi la SPA dell’hotel (se decidete di soggiornare in un hotel), partecipare a eventi e manifestazioni, fare delle degustazioni di vino, fare un po’ di shopping di prodotti tipici, visitare il Museo dell’Orso a San Cassiano oppure il Museo Ladino a San Martino (20 minuti in macchina).

Se parliamo di Alta Badia in autunno, hai suggerimenti su cosa vedere e per qualche passeggiata in mezzo alla natura?

In autunno molte strutture, negozi, ristoranti, rifugi e impianti sono chiusi perché è fuori stagione.

In realtà penso sia uno dei periodi migliori per visitare l’Alta Badia. Le temperature solitamente sono ancora molto piacevoli, i sentieri non sono sovraffollati e ci sono dei colori stupendi!

Autunno in Alta Badia

È comunque possibile soggiornare in b&b o in un appartamento. Non avrete molta scelta per quanto riguarda i locali e i negozi ma, in cambio, avrete le montagne solo per voi. Una delle mie passeggiate preferite in autunno, è la camminata che dal paese di San Cassiano porta al Santuario di Santa Croce.

Santuario di Santa Croce, Alta Badia

L’escursione ha la durata di due ore e mezza circa, è un po’ in salita ma si raggiunge uno dei posti più belli dell’Alta Badia.

Ho sentito parlare della Grotta della neve ma, purtroppo, non ci sono mai stata. Mi racconteresti qualcosa di più?

Al contrario di quello che forse avevate immaginato, questa è una gita estiva. In primavera un piccolo ruscello di montagna scende a valle e l’acqua scava una grotta naturale nelle masse di ghiaccio. Si forma così la caverna di neve che solitamente è visitabile tutta l’estate (dipende da quanta neve cade durante l’inverno).

La Grotta della neve si raggiunge dal Santuario di Santa Croce: se volete risparmiarvi le prime 2 ore e mezza di camminata, potete decidere di utilizzare gli impianti che partono dal paese di Badia e vi portano direttamente al Santuario. Da qui poi, si prosegue verso sinistra e si cammina per circa 45 minuti sotto la parete dell’imponente Cima Dieci. Dopodiché bisogna continuare fino ad un ghiaione dove troverete la Grotta della neve.

Quando vengo nelle tue zone, vedo sempre molte famiglie. Se ti va, puoi raccontami l’Alta Badia per i bambini. Quali attività possono svolgere?

È vero!

L’Alta Badia è anche una meta perfetta per le famiglie. In zona ci sono tantissime passeggiate semplici da poter fare con i bambini, alcune anche con il passeggino. È anche possibile organizzare gite in bici, vie ferrate e sciate per tutta la famiglia.

L’Associazione Turistica, ma anche alcuni hotel, offrono un programma settimanale per i bambini, durante il quale si fanno varie attività. Alla sera, ogni tanto, vengono organizzati degli eventi appositamente per i piccoli ospiti dell’Alta Badia. Consiglio di visitare il parco degli animali di Colfosco oppure il parco dei cervi nella località di Paraciora. Ci sono poi tantissimi parchi giochi, sia in paese che in alta quota.

Per i più avventurosi, c’è un parco avventura con dei percorsi sospesi tra gli alberi.

Ringrazio Sarah per aver partecipato, vi invito a seguirla sul suo profilo instagram! Potrete ammirare splendidi paesaggi! Se vi piacciono le interviste, ne troverete presto altre!

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rebecca Depietri

Sono Becky, sempre pronta a partire nei weekend! Sono alla ricerca costante dell'insolito durante il viaggio e amo perdermi! Sono una sostenitrice del concetto che, la mappa, non sia sempre un "salvavita"! Sono una inguaribile romantica e sognatrice e cerco di vedere le sfumature in ogni cosa!

Iscriviti alla mia newsletter

Collaboro con

Civitas

Trova la tua escursione in italiano nel mondo

Freedome

Prova le più belle attività outdoor in Italia

Faccio parte di

Badge migliori blogger Travel365

Sono presente su

Follow